CINA: DIRETTIVE PCC CONTRO PROTESTA GIORNALISTI

(ANSA) – SHANGHAI, 08 GEN – Il partito comunista cinese corre ai ripari contro lo sciopero dei giornalisti del Southern Weekly, il giornale di Guangzhou (Canton) obbligato ad inserire un editoriale pro partito. In una direttiva, che sta girando sulla rete, inviata ieri dall’ufficio centrale della propaganda del partito comunista a segretari di partito e giornalisti, si forniscono tre linee direttrici per gestire la questione. Innanzitutto si chiarisce che la faccenda è sotto controllo da parte delle autorità  e dei vertici del partito. Inoltre, si precisa che Tuo Zhen, in capo della propaganda del Guangdong (provincia della quale Guangzhou è capoluogo e che è stato indicato come colui che ha obbligato il giornale a cambiare l’editoriale), non c’entra nulla con la faccenda in questione. Infine, la responsabilità  complessiva è da attribuirsi a “forze esterne ostili che stanno interferendo con la questione del Southern Weekly”. Da ieri, i messaggi di sostegno alla protesta dei giornalisti del giornale di Guangzhou, vengono cancellati dalla rete. Per questo la direttiva proibisce a direttori e giornalisti di esprimere sostegno sulla rete alla protesta, chiedendo al contrario, di diffondere e sostenere un editoriale apparso oggi sul Global Times. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari