Telecom I.: si allontana la cessione di La7 e spin-off (MF)

MILANO (MF-DJ)–Il colosso telefonico guidato da Franco Bernabe’ annuncera’ a breve (forse gia’ il 17 gennaio, giorno di un cda informale) la sospensione delle procedure di vendita de La 7 e piu’ avanti prendera’ ancora piu’ tempo per lo spin-off della rete per il quale sono in corso contatti con la Cdp, superando la primavera e forse arrivando al 2014.
E’ quanto puo’ anticipare MF-Milano Finanza che in un articolo sottolinea che Telecom Italia accantona per ora i piani di cessioni domestiche e si lancia assieme alle big europee in una campagna senza precedenti: rispondere allo strapotere degli over the top americani, Google e Facebook in testa, con un vero cartello delle reti europee. E il bello e’ che la nascita di una societa’ delle infrastrutture tlc nel Vecchio Continente e’ stata benedetta dalla Commissione Europea e dal titolare della Concorrenza, Joachin Almunia. La notizia, rilanciata ieri dal Financial Times e confermata dal commissario spagnolo, ha pero’ un duplice effetto, tutto italiano, che tagliera’ la testa al toro a tante diatribe degli ultimi mesi.
La ragione della procedura di vendita e’ molto semplice. Nel momento in cui Telecom Italia, assieme a France Telecom, Deutsche Telekom, Telefonica e Vodafone (tutte effervescenti ieri in borsa, rispettivamente con rialzi dell’8,84%, 4,61%, 3,42%, 4,17% e 1,94%) si apprestano a provare a condividere le rispettive reti per opporre un sodalizio robusto ai giganti Usa che sfruttano le loro infrastrutture, ogni dismissione infrastrutturale va in secondo piano.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci