Comunicazione, Televisione

10 gennaio 2013 | 14:50

Polizia: nasce la ‘Casa della comunicazione’, web tv nuovo strumento

(ASCA) – Roma, 10 gen – Il capo della Polizia, Antonio Manganelli ha inaugurato questa mattina la ‘Casa della comunicazione’ del Dipartimento della pubblica sicurezza. Comunicazione che e’ cresciuta negli anni grazie anche agli uomini e alle donne dell’Ufficio relazioni esterne e cerimoniale che hanno il compito di esporre al cittadino l’attivita’ della Polizia di Stato. Con lo slogan ‘Comunicare aiuta a crescere’ la Polizia vuole continuare nel cammino cruciale dell’immediatezza e trasparenza dell’informazione. L’obiettivo e’ ”far sapere al verita’ e farla sapere presto”. E’ cresciuta molto, infatti, la comunicazione esterna e interna della Polizia di Stato negli ultimi anni. Un percorso inevitabile per non perdere il passo con l’innovazione culturale e tecnologica. Nel corso dell’incontro il direttore dell’Ufficio relazioni esterne e cerimoniale Maurizio Masciopinto, ha illustrato i temi su cui si e’ concentrata l’attivita’ di comunicazione della polizia. Tra le linee guida del progetto comunicazione istituzionale del Dipartimento: immediatezza dell’informazione e trasparenza, immagini, fiction, musica e soprattutto internet. Dopo essere entrata nel mondo dei social network, con il canale ufficiale su Youtube e i profili dell’ agente Lisa su Facebook e Twitter, la Polizia ha infatti introdotto la web tv come nuovo strumento per creare un rapporto di maggior fiducia e vicinanza con la gente. Il web, dunque, assume un ruolo centrale considerato che il sito della Polizia ha avuto 80 milioni di pagine visitate da oltre 15 milioni di utenti. ”Abbiamo creato una serie di strumenti per accompagnare la nostra istituzione – ha spiegato Manganelli – che contribuiscono a garantire la serenita’ dei cittadini, perche’ l’attivita’ di polizia non e’ solo operativita’, ma comprende anche altri settori, tra cui la comunicazione”. Strumenti che sono utili soprattutto ai giovani, per i quali la Polizia deve essere un ”modello di identificazione importante e positivo”.