CINEMA: CROLLO ESPORTAZIONI ITALIANE, 93 MILIONI NEL 2011

RICERCA UNINDUSTRIA, NEL 2002 ERANO A 250 MILIONI

(ANSA) – ROMA, 17 GEN – Il crollo delle esportazioni di prodotti audiovisivi italiani dai 250 milioni di euro del 2002 ai 93 milioni del 2011: è il dato più eclatante emerso dalla ricerca ‘Progetto di internazionalizzazione delle imprese dell’audiovisivo’, presentata da Unindustria e Distretto dell’audiovisivo e dell’Ict, stamani a Roma. “Emerge un dato molto negativo per l’Italia, c’é un forte squilibrio fra import ed export. Bisogna – spiega Giampaolo Letta, amministratore delegato di Medusa e vicepresidente Unindustria con delega ad industria creativa, cultura e turismo – puntare all’internazionalizzazione, che deve consistere sia nell’esportare prodotto all’estero sia nel partecipare a più coproduzioni e attirare più investimenti esteri in Italia”. Per Letta è necessario “un salto di mentalità  sul lato imprenditoriale e di risorse. Vanno trovate storie con caratura internazionale e linguaggi che si adattino a questa caratura, quindi anche girando alcuni progetti in inglese o in francese”. In questo senso, l’ad di Medusa conferma un’ipotesi anticipata dal produttore dei film dei Soliti idioti, Pietro Valsecchi, cioé realizzare un terzo capitolo delle loro avventure ambientato a New York e in inglese: “L’idea è vera, per quanto curiosa, stiamo vedendo se sarà  possibile”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo