Fastweb: Vivarelli, in 2012 +11% a/a clienti

MILANO (MF-DJ)–Nel 2012 Fastweb ha incrementato il numero dei clienti dell’11% a/a, da 1,6 mln a 1,767 mln, in un mercato che e’ stato sostanzialmente stagnante. Lo ha dichiarato il direttore della divisione residenziale di Fastweb, Danilo Vivarelli, aggiungendo che la domanda di banda ultralarga e’ triplicata negli ultimi sei mesi e il 70% dei nuovi clienti in fibra chiede l’attivazione a una velocita’ fino a 100 Mega. L’operatore, che oggi dispone di una rete in fibra lunga 33.000 chilometri che raggiunge 1.000 comuni in Italia e che arriva a 2 mln di case e imprese, ha l’obiettivo di raggiungere 5,5 mln di clienti nel 2014. Fastweb, infatti, investira’ 400 mln euro per estendere la propria rete per raggiungere il 20% della popolazione italiana. Sono gia’ stati avviati i lavori a Monza, Pisa, Brescia, Varese, Verona e Livorno. La crescita dei clienti Fastweb nel 2012, ha proseguito Vivarelli, “e’ dovuta principalmente alle maggiori esigenze di qualita’ e stabilita’ del servizio. In base ai dati rilevati dalla stessa Autorita’ per le Comunicazioni, Fastweb offre la qualita’ migliore del mercato ed e’ questo il motivo per cui sempre piu’ clienti si rivolgono a noi. Nel 2012 siamo stati l’unico operatore di banda larga fissa ad essere cresciuto in tutti i trimestri”. Secondo Mario Mella, Chief Technology Officer di Fastweb, “la competizione nel mercato della banda larga, si giochera’ in futuro tra gli operatori dotati di una propria infrastruttura dalle elevate performance come quella di Fastweb”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G