Wikileaks/ Swartz in contatto con Assange, forse era fonte sito

Roma, 22 gen. (TMNews) – Aaron Swartz, il giovane genio del web recentemente morto suicida, sarebbe stato una fonte di Wikileaks. Anche se non ci sono conferme ufficiali, la presunta collaborazione tra l’hacker e Julian Assange sarebbe provata da una serie di messaggi pubblicati sul profilo twitter della stessa Wikileaks. Sebbene l’ultimo tweet risulti più vago – “crediamo, ma non possiamo provare, che Swartz fosse una nostra fonte” -, le parole utilizzate in altri messaggi sono decisamente più espliciti riguardo ai “contatti” con Assange e la “collaborazione” con il sito. Swartz è stato l’artefice di Demand Progress, il network digitale che ha svolto un ruolo chiave nella battaglia contro la legge Usa contro la pirateria online. L’attivista è stato accusato di hackeraggio e sospettato di aver rubato milioni di documenti e pubblicazioni scientifiche dall’archivio informatico del Mit, il Massachusetts Institute of Technology. Swartz si è sempre dichiarato innocente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G