TV: DEGLI ESPOSTI, NUOVO GOVERNO DEVE CESTINARE LA GASPARRI

FARE UNA NUOVA LEGGE SUL SISTEMA DEI MEDIA

(ANSA) – ROMA, 23 GEN – “Il mercato dell’audiovisivo è a un bivio: o muore o questa è la volta che in tre-quattro anni può esplodere, triplicando l’indotto fino a 500mila addetti, e diventare un motore del Paese”. Lo sostiene Carlo Degli Esposti, fondatore e presidente della casa di produzione cinematografica e televisiva Palomar, in un’intervista pubblicata sul numero di gennaio di ‘Prima Comunicazione’, in edicola da domani a Milano e da venerdì a Roma. Secondo Degli Esposti occorrono però alcune condizioni affinché ciò si verifichi: “Basta fare poche cose intelligenti e, prima di ogni altra, sciogliere nell’acido la legge Gasparri che ha fatto più danni di un virus letale. Il prossimo governo dovrà  per forza fare una nuova legge sul sistema dei media perché la Gasparri è morta. Se questa volta non ci sarà  un impegno serio del governo in questo settore, il mondo dell’audiovisivo italiano sparirà  e saremo colonizzati dal prodotto estero”. La Rai, secondo Degli Esposti, “ha grandi professionalità  e bravissime persone, ma è una macchina mastodontica che deve dimagrire velocemente per garantire una salute più longeva al servizio pubblico”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi