Nokia/ Spiragli di luce su smartphone,e in Italia successo Lumia

Roma, 24 gen. (TMNews) – Nokia vede finalmente spiragli incoraggianti nel cruciale segmento degli smartphone, dove da molti mesi è impegnata in una difficile fase di passaggio al sistema operativo Windows Phone nell’alleanza con Microsoft. Oggi il gruppo ha pubblicato i risultati di bilancio del quadro trimestre, e oltre a tornare all’utile per la prima volta da 18 mesi a questa parte, ha anche registrato un netto incremento sui volumi di vendite degli smartphone della classe Lumia, la linea di punta del passaggio a Windows Phones: hanno totalizzato 4,4 milioni di unità , il 51 per cento in più rispetto ai 2,9 milioni di Lumia venduti del terzo trimestre.
E in questo quadro “l’Italia è stato uno dei mercati di maggior successo, dove abbiamo assistito ad una buona risposta ai lanci dei vari modelli di Lumia”, ha detto a TMNews un portavoce del gruppo finlandese.
L’insieme del 2012 resta in flessione guardando ai volumi di vendite di smartphone totali, con 51 milioni di unità , includendo oltre agli apparecchi della classe Lumia quelli della classe Asha (9,3 milioni) e gli smartphone che usano ancora Symbian (2,2 milioni, il vecchio sistema operativo di Nokia), sono il 33,7 per cento in meno rispetto ai 77 milioni di smartphone del 2011.
Tuttavia i dati del quarto trimestre mostrano un chiaro miglioramento della dinamica: negli ultimi tre mesi dell’anno le vendite totali di smartphone sono state di 15,9 milioni di unità , e se risultano in calo del 18,9 per cento nel confronto su base annua, rispetto ai 13,1 milioni di unità  del terzo trimestre sono invece cresciute del 21,3 per cento.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rolling Stone, copertina anti Salvini. Mentana: scorretti. Lucarelli (ex direttore): guardatevi in casa, editore illiberale e ostile

Chef in tv. Klugmann lascia Masterchef: partecipare al programma significa chiudere il mio ristorante

Santoro si candida per il Cda Rai: manderò il curriculum a Camera e Senato