ITALIA-GB: GIORNALISTI LONDRA A VENICE SEMINAR

CONCLUSA 18/MA EDIZIONE, NEL PANEL FORNERO E DI PAOLA

(ANSA) – VENEZIA, 26 GEN – Un approfondito confronto sull’Italia tra giornalisti delle maggiori testate britanniche con particolare interesse nel Paese e alcuni tra i maggiori esponenti della politica, dell’economia e dell’industria italiana. E’ la formula di successo ripetutasi per la 18esima edizione del ‘Venice Seminar’, organizzato dall’Ambasciata d’Italia a Londra con la collaborazione di Finmeccanica e concluso oggi. Il panel della due giorni veneziana ha visto quest’anno la partecipazione, tra gli altri, del ministro per il Lavoro e pari opportunità  Elsa Fornero e il ministro della Difesa Giampaolo di Paola. Il seminario rappresenta un’occasione unica per i giornalisti delle più importanti testate del Regno Unito, tra cui molti corrispondenti dall’Italia, di entrare in contatto diretto con esponenti del governo italiano, approfondendo a porte chiuse i principali temi dell’attualità  italiana e internazionale. E quest’anno, con l’imminenza delle elezioni politiche e le sfide poste dalla crisi economica, lo scambio è stato particolarmente intenso e articolato, con una fitta sessione di domande e risposte. L’incontro si è aperto ieri, con l’introduzione dell’ambasciatore d’Italia a Londra Giorgio Maria Economides, seguito dagli interventi di Lorenzo Bini Smaghi (presidente Snam) e del presidente dell’Istituto di Affari Internazionali Stefano Silvestri. La giornata di oggi è stata aperta dal ministro Elsa Fornero, seguita da Giampaolo Di Paola, quindi l’intervento di Alberto De Benedictis, Amministratore delegato di Finmeccanica UK. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari