Barnes & Noble/ Chiuderà  un terzo librerie entro 10 anni

New York, 28 gen. (TMNews) – Negli Stati Uniti, dicono le statistiche, si legge sempre meno e anche le grandi catene di librerie ne soffrono. Dopo la bancarotta di Borders, i problemi toccano ora a Barnes & Noble, che prevede di chiudere un terzo dei propri punti vendita entro il prossimo decenio.
“Tra dieci anni avremo tra 450 e 500 librerie”, ha detto l’amministratore delegato Mitchell Klipper. Come riporta il Wall Street Journal, i punti vendita sono ora 689, oltre ad altri 674 all’interno di campus universitari. Nell’ultimo decennio la società  ha chiuso una media di 15 librerie all’anno, ma fino al 2009 ne ha anche aperte almeno 30.
Barnes & Noble risente del maggiore interesse dei clienti per i libri digitali e della sempre maggiore diffusione degli acquisti online. Tuttavia secondo Klipper la società  non è in crisi: “il modello aziendale è buono, dobbiamo fare degli aggiustamenti e agire in modo intelligente, le cose sono cambiate ma il business evolve”, ha detto.
Nel periodo natalizio il fatturato della catena di librerie è calato quasi dell’11% rispetto all’anno precedente, mentre le vendite comparate, quelle nei negozi aperte da almeno un anno, dato chiave per determinare l’andamento del settore, sono calate del 3,1%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari