Roma: accordo Cinecitta’-Cna per ‘Distretto del Cinema e Multimediale’

(ASCA) – Roma, 29 gen – Costumi, musiche, effetti speciali, trucco e parrucco oltre ad altri mestieri: il dietro le quinte di un film e’ anche questo e vive della tradizione degli artigiani che da generazioni lavorano nelle botteghe al servizio del cinema. Per non disperdere questo ricco patrimonio di cultura e antichi saperi, Cinecitta’ Studios e Cna Roma hanno sottoscritto oggi un protocollo d’intesa per far muovere i primi passi concreti al progetto del Distretto del Cinema e del Multimediale. Con la collaborazione tra due delle eccellenze nazionali del settore dell’audiovisivo e dell’intrattenimento, si pongono cosi’ le basi per avviare un programma concreto di rilancio dell’intera filiera. A siglare l’accordo sono stati oggi il presidente di Cinecitta’ Studios, Luigi Abete, e il presidente di Cna di Roma, Erino Colombi. Il Distretto del Cinema e del Multimediale, informa la nota, attualmente in fase di progettazione da parte del Gruppo Cinecitta’, sara’ realizzato nell’area di sviluppo per l’intrattenimento adiacente gli attuali studios cinematografici, nella quale sono altresi’ previsti una pluralita’ di investimenti per uffici, servizi e accoglienza, oltre a un nuovo grande teatro di posa. Il Distretto nascera’ per ospitare e aggregare societa’ del settore, pmi, laboratori tecnici, centri formativi, unita’ produttive e centri di ricerca, conclude la nota, con l’obiettivo di valorizzare antichi mestieri e nuove professionalita’ che costituiscono i migliori elementi del mondo del cinema, dell’audiovisivo, del multimediale e dell’intrattenimento in genere. In tal modo il Distretto costituira’ un think tank di circa 200 imprese e studi professionali, destinato a costituire un centro vitale per la trasmissione di cultura, la produzione di ricchezza e occupazione, beneficiando del network d’imprese che ruota intorno a Cinecitta’ ed al sistema Cna.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo