RAI: AZIENDA, CANCELLATI PRIVILEGI PENSIONISTICI A DIRIGENTI

(ANSA) – ROMA, 31 GEN – La Rai, “in merito a quanto riportato oggi dalla stampa a proposito della possibilità  di pensionamento dei dirigenti”, precisa in una nota che “non vi é alcun aumento pensionistico per i dirigenti che accettano di andare in pensione. Al contrario, la Rai, ritiene che la disciplina ante ’93 che prevedeva una pensione pari al 68% dell’ultima retribuzione, sia ormai insostenibile, inopportuna e non allineata con i tempi”. “Inoltre – continua la nota di Viale Mazzini, che si riferisce a quanto diffuso dal settimanale ‘Panorama’ – rappresenta costi che l’azienda non può più sostenere e costituisce una discriminante importante tra i dirigenti che sono soggetti al momento a due diverse discipline, di cui una più privilegiata rispetto all’altra. Pertanto nei giorni scorsi é stata data formale disdetta dei vecchi accordi che, essendo in origine privi di termine finale, deve necessariamente essere preceduta da un periodo di preavviso”. (ANSA)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi