FRANCIA: FARI SU LE MONDE, OGGI VOTA PER NUOVA DIREZIONE

NATHALIE NOUGAYREDE POTREBBE DIVENTARE PRIMA DIRETTRICE DONNA

(ANSA) – PARIGI, 1 MAR – Occhi puntati in Francia sulla redazione del quotidiano Le Monde: per la prima volta in oltre 65 anni di storia, la direzione del prestigioso giornale parigino, dovrebbe essere affidata, salvo improbabili sorprese nel voto della redazione atteso per oggi, a Natalie Nougayrede, 46 anni, ex corrispondente da Mosca e vincitrice nel 2005 del rinomato premio giornalistico ‘Albert Londres’ per i suoi reportage dalla Cecenia. I circa 450 membri della Società  dei redattoti de Le Monde (SRM), voteranno oggi per o contro la sua designazione, proposta dagli azionisti del gruppo. I risultati dello scrutinio dovrebbero essere annunciati intorno alle 19:00. Secondo gli statuti del giornale, la scelta del direttore deve essere approvata dal 60% dei membri della SRM. Il nome della Nougayrede è stato indicato dai tre azionisti di riferimento della società  che pubblica il giornale (il banchiere d’affari Matthieu Pigasse, il patron del provider web Free Xavier Niel e il finanziere Pierre Bergé) come loro scelta per succedere a Eric Izraelewicz, morto improvvisamente a fine novembre per un attacco cardiaco. La Nougayrede, vera e propria outsider, che in 15 anni di lavoro per Le Monde non ha mai ricoperto posizioni gerarchiche di spicco, è stata preferita ad almeno tre colleghi di chiara fama, tutti uomini, nessuno dei quali è stato in grado di ottenere il consenso di tutti e tre i patron della testata. Se come appare probabile, raccoglierà  almeno il 60% dei voti favorevoli, Natalie Nougayrede andrà  a fare compagnia a Jill Abramson, direttrice del New York Times dal giugno 2011, nel ristretto circolo delle donne arrivate al vertice di grandi testate storiche della stampa mondiale. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari