SIAE: ELETTO NUOVO CONSIGLIO SORVEGLIANZA, STRAVINCE MUSICA

34 ELETTI IN CARICA 4 ANNI; ENTRANO SUGAR, PAOLI, PIOVANI

(ANSA) – ROMA, 1 MAR – La Siae si avvia ad uscire dal commissariamento ed elegge la nuova assemblea, che ora si chiama Consiglio di Sorveglianza, composto da 34 membri, 17 per gli editori e 17 per gli autori, che resteranno in carica per 4 anni. Ma il voto, avvenuto sulla base del nuovo statuto, porta con sé anche una sorta di rivoluzione visto che la stragrande maggioranza degli eletti appartiene al mondo della musica (27 su 34). Gli eletti, secondo quanto pubblicato sul sito online della Società  degli autori e degli editori, sono: 1) Editori: Filippo Nicola Sugar, Toni Verona, Claudio Buja, Federico Monti Arduini, R.Razzini, G.De Martino, Paolo Franchini, L. De Siervo, A. Gramitto Ricci, Franco Daldello, Roberto Bonizzoni, P.Leonardi, Silvia Villevieille Bideri, P. G. Ostali, Paola Perilli, M. Polillo, Angelo Barbagallo. 2) Autori: Gino Paoli,Cristiano Minellono, Alessandro Solbiati, Biagio Proietti, Mario Lavezzi, G. Previde Massara, M. G. Maxia, Vittorio Costa, Alessandro Angrisano, Andrea Purgatori, Rizzi,Linda Brunetta Caprini, Franco Micalizzi, Nicola Piovani, Michele Maesano, Anna Narici, Antonella Bolelli. Il nuovo appuntamento è ora per il 18 marzo, quando il nuovo Consiglio di Sorveglianza sarà  chiamato a riunirsi per eleggere il comitato di gestione, composto da cinque persone, e quindi il presidente. Si concluderà  così la gestione commissariale avviata nel marzo 2011 sotto la guida del Commissario Straordinario Gian Luigi Rondi e dei subcommissari Mario Stella Richter e Domenico Luca Scordino. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari