New media

04 marzo 2013 | 15:13

INTERNET: WORKSHOP FARNESINA, FOCUS SU AGENDA GLOBALE

INCONTRO IN PROGRAMMA L’8 MARZO

(ANSA) – ROMA, 4 MAR – Una nuova agenda globale per Internet. E’ il tema al centro del workshop di Alleanza per Internet che si svolgerà  alla Farnesina l’8 marzo con Hamadoun Touré Segretario Generale dell’ITU (International Telecommunication Union). L’iniziativa, si legge in una nota, vuole facilitare la discussione sull’esigenza di una nuova agenda globale per Internet dopo la Conferenza internazionale sulle telecomunicazioni (WCIT) dell’ITU, tenutasi lo scorso dicembre a Dubai, conferenza che ha segnato un momento di riflessione molto importante sul futuro delle telecomunicazioni e di Internet. “Per quanto nel corso della Conferenza di Dubai – secondo Luigi Gambardella promotore di Alleanza per Internet – siano emerse posizioni diverse e in alcuni casi conflittuali tra i governi, è importante riconoscere il merito del dibattito che si è aperto e il valore di tutte le idee che hanno contributo ad una riflessione comune su quale debba essere il ruolo delle autorità  pubbliche nel governo di Internet e nello sviluppo delle reti. In particolare – prosegue – la transizione globale verso un sistema di reti a banda larga fisse e mobili richiede che il ‘dopo Dubai’ non si limiti alla presa di coscienza delle divergenze emerse ma dia vita ad un percorso comune, ed il più possibile allargato, verso una nuova riflessione”. “E’ fondamentale – secondo Francesco Pizzetti, Presidente di Alleanza per Internet – che il confronto di idee che ha caratterizzato il WCIT sia rilanciato ed arricchito”. Temi cruciali “il ruolo delle ICT per lo sviluppo sociale ed economico, la diffusione delle infrastrutture di telecomunicazioni nei Paesi in via di sviluppo, l’efficace gestione di un volume sempre crescente di dati, la necessità  di investimenti in reti di nuova generazione, la tutela della privacy dei cittadini, la protezione dei dati on-line, la capacità  delle imprese di gestire al meglio il traffico sulle reti a beneficio di servizi di qualità  e, contestualmente, il solido sviluppo di un settore che è cruciale per il processo di innovazione tecnologica”.(ANSA).