La7/ Cairo: Tempi brevissimi per formalizzazione accordo

Roma, 5 mar. (TMNews) – La finalizzazione e formalizzazione degli accordi contrattuali per l’acquisto di La7 è prevista “in tempi brevissimi” e il successivo perfezionamento dell`operazione sarà  subordinato alle autorizzazioni previste dalla normativa vigente. Lo afferma Cairo Communication che, in una nota, conferma il raggiungimento di un`intesa per l`acquisto dell`intero capitale di La7, con esclusione della partecipazione da questa detenuta in MTV Italia, a seguito della decisione del consiglio di amministrazione di Telecom Italia Media di ieri. L`operazione consentirà  a Cairo Communication di “entrare nel settore dell`editoria televisiva, integrando a monte la propria attività  di concessionaria per la vendita di spazi pubblicitari e consentendo di diversificare la propria attività  editoriale attualmente focalizzata nell`editoria periodica”. I principali termini delle intese raggiunte prevedono che l`acquisto di La7 avvenga a fronte di un corrispettivo pari a un milione di euro e dell`impegno di Telecom Italia Media a far sì che, alla data di esecuzione, la posizione finanziaria netta di La7 sia positiva per almeno 88 milioni e il patrimonio netto sia pari ad almeno 138 milioni di euro. Nell`ambito delle intese raggiunte – sottolinea Cairo nella nota – è altresì prevista la sottoscrizione di un accordo pluriennale tra La7 e Telecom Italia Media Broadcasting per la fornitura di capacità  trasmissiva e l`impegno di Cairo Communication a non cedere la partecipazione in La7 per 24 mesi. Il Gruppo Cairo Communication in questa operazione è assistito da Bonelli Erede Pappalardo in qualità  di advisor legale, da Lazard come advisor finanziario e Barabino & Partners come advisor di comunicazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi