Rcs: proseguono colloqui su Periodici; in Cda 27/3 conti, aumento e debito

MILANO (MF-DJ)–Proseguono i colloqui tra i vertici di Rcs e i soggetti interessati all’acquisto di Novella 2000, Visto, A, Max, Astra, OkSalute, Bravacasa, l’Europeo, Astra, Yacht&Sail e le riviste appartenenti al polo dell’enigmistica che la casa editrice di Via Solferino intende cedere in blocco. Le offerte arrivate fino ad adesso sarebbero quelle dell’editore Guido Veneziani, del gruppo Seregni guidato da Andrea Mastagni, di Alfredo Bernardini di Pace e di News 3.0, editrice di Lettera43. E’ quanto riferito da alcune fonti a conoscenza dei fatti le quali precisano che, oltre ai nomi noti, il management di Rcs avrebbe ripreso i colloqui con altri soggetti il cui interesse iniziale all’acquisto si era poi “raffreddato”. L’obiettivo della casa editrice di Via Solferino e’ quello di trovare un “buon acquirente” che si compri l’intero blocco dei periodici. Il punto sulla situazione e’ stato fatto nel Cda di venerdi’ scorso, in cui i consiglieri, senza procedere ad alcuna delibera, hanno affrontato anche i temi legati al piano industriale, all’aumento di capitale, alla rimodulazione del debito con le banche e alla cessione di altri asset non core. Gli occhi degli investitori e del mercato si focalizzeranno quindi sul Cda del 27 marzo chiamato a dare l’ok al bilancio, al piano industriale a cui sta lavorando l’a.d. Pietro Scott Jovane, e la questione del debito, mentre non e’ escluso che la cessione dei periodici possa avvenire prima del prossimo board.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari