DIFFAMAZIONE: PALERMO, A GIUDIZIO RICCI E INVIATA “STRISCIA”

(AGI) – Palermo, 13 mar. – Il Gup di Palermo Luigi Petrucci questa mattina ha rinviato a giudizio l’autore del programma di Canale 5 “Striscia la notizia”, Antonio Ricci, e l’inviata Stefania Petyx per diffamazione aggravata nei confronti di Roberta Bontate, figlia di Giovanni e nipote del boss Stefano Bontate, ucciso nel 1980. Il processo iniziera’ il 7 giugno davanti alla terza sezione del tribunale monocratico di Palermo. Secondo l’accusa, in una puntata del programma dedicata alla gestione dei beni confiscati alla mafia, andata in onda il 4 ottobre del 2010, Roberta Bontate sarebbe stata dipinta come “un soggetto inserito in un torbido sistema affaristico mafioso volto a rimpossessarsi dei beni sottratti alla mafia”. Nello specifico un terreno di Fondo Magliocco, a Palermo, appartenuto alla famiglia Bontate. La signora, che si e’ costituita parte civile attraverso l’avvocato Ennio Tinaglia e non ha mai avuto problemi con la giustizia, era socia di un’associazione che gestiva alcuni beni confiscati alla mafia. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari