Rai Yoyo: al via il nuovo portale della Melevisione

(ASCA) – Roma, 13 mar – Da oggi, mercoledi’ 13 marzo, i on-line il nuovo portale della Melevisione, (www.melevisione.rai.it), destinato anche i piu’ piccoli, con una rinnovata veste grafica ed arricchito di contenuti inediti. ”Un nuovo strumento sempre piu’ ricco ed accattivante, volto ad implementare l’offerta crossmediale di Rai Yoyo”, il Canale della Direzione Rai Ragazzi dedicato ai bambini, ha dichiarato il Direttore Massimo Liofredi, ”che grazie alla rinnovata collaborazione con Rai Net, offre un prodotto multimediale pensato per garantire ai bambini dai 3 ai 7 anni l’opportunita’ di giocare e divertirsi con gli amici del Fantabosco, oltre che seguire sempre piu’ numerosi, i nuovi episodi della ”storica” serie, fortemente voluta e realizzata presso gli studi Rai di Torino” . Infatti, a partire dalla homepage, strutturata in maniera intuitiva e in diverse sezioni, i bambini potranno scoprire tutte le ultime novita’ sul ”Mondo” del Fantabosco, cantando insieme ai loro amici grazie al Karaoke (sezione Canzoni), stampando e creando a casa tantissimi oggetti per mascherasi e giocare (sezione Download), seguendo le istruzioni di Milo Cotogno per creare infiniti oggetti divertenti (sezione Manualita’) e, scoprendo le ricette di Cuoco Danilo (sezione Ricette). Inoltre, la possibilita’ di scaricare le nuove puntate e rivedere quelle precedenti (sezione Puntate), sfogliare le fotogallery di tutti gli abitanti del Fantabosco (sezione Foto) e riscoprire tutta la storia della celebre Melevisione raccontata nei famosi Classici. Infine, si potra’ scoprire ogni settimana con il Videogiornale del Fantabosco, le novita’ dal ”bosco incantato” e partecipare a dei sondaggi sul programma oltre, alla possibilita’ di inviare i propri disegni e vederli pubblicati.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi