Muy confidencial

14 marzo 2013 | 13:53

Radio Italia passa a Mondadori Pubblicità 

Radio Italia, quinta emittente nazionale con 4,4 milioni di ascoltatori al giorno, lascia la concessionaria Manzoni per passare alla   Mondadori Pubblicità . Le ragioni del mancato rinnovo del contratto stanno nel rifiuto da parte   dalla concessionaria del Gruppo Editoriale L’Espresso di concedere un minimo garantito a Radio Italia a cui l’anno scorso ha assicurato una raccolta di 30 milioni di euro.   Volanti che, peraltro più volte aveva ventilato ai vertici del   gruppo Espresso la proposta di entrare nella proprietà  del suo network ricevendo dei cortesi rifiuti, ha deciso di   puntare sulla Mondadori Pubblicità  che così   rafforza   il proprio business radiofonico finora limitato a R101, l’emittente che fa capo a Monradio, società  Mondadori, di cui da novembre è amministratore delegato Stefano De Alessandri. Il network di Mario Volanti è una delle realtà  più brillanti del comparto: nel 2012 ha registrato la migliore performance passando dai 4.082.000 ascoltatori della prima rilevazione Radiomonitor ai 4.734.000 dell’ultima.

La precisazione di Radio Italia:In relazione al Muy confidencial titolato ‘Radio Italia passa a Mondadori Pubblicità ’ apparso oggi su Primaonline.it, Radio Italia precisa che non e’ mai stato richiesto minimo garantito a Manzoni nè a nessun altro soggetto e che non era in atto nessuna trattativa in relazione alla cessione o all’acquisto di quote societarie”.