Mondadori: nuovo contratto con Radio Italia

MILANO (MF-DJ)–Radio Italia divorzia da Manzoni e, da meta’ aprile, sigla un contratto per la raccolta pubblicitaria con Mondadori. Che vi fosse del malessere tra le parti, scrive Italia Oggi, lo si intuiva gia’ lo scorso gennaio, quando il presidente di Radio Italia, Mario Volanti, sottolineava di non capire come mai le audience della sua emittente crescessero del 30%, mentre il fatturato pubblicitario fosse in lieve calo. Ovvio che la grande crisi del mercato in generale, e che prosegue nel 2013, non ha aiutato la serenita’ della discussione. Radio Italia, nel 2012, ha raccolto circa 30 milioni di euro (-2% sul 2011, percio’ neanche troppo male). E la rottura con la concessionaria del gruppo Espresso sarebbe avvenuta, secondo chi ha seguito da vicino le trattative, per due motivi: uno relativo ai minimi garantiti, che Manzoni non ha mai concesso ma che Radio Italia, nel 2013, avrebbe preteso; l’altro su un eventuale ingresso dell’Espresso nell’azionariato di Radio Italia. Ipotesi smentite con forza da Marco Pontini, d.g. marketing di Radio Italia: “Non e’ mai stato chiesto nessun minimo garantito a Manzoni e tantomeno a Mondadori. Inoltre non c’e’ mai stata una trattativa legata a cessioni o acquisti di quote azionarie di Radio Italia”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Ernesto Mauri: carta e pubblicità sui mezzi tradizionali sono destinate a calare. Mondadori deve focalizzarsi sui libri e promuovere la trasformazione digitale dei periodici

Approvato dal Cda di Mondadori il resoconto intermedio al 30 settembre 2015. Perdita ridotta del 4% nei nove mesi

Al Prix Italia presentato Rai Radio6Teca, canale che ripropone programmi e giornali radio d’epoca che hanno fatto la storia di Radio Rai