Rai: Malinconico, ridurre debito pubblico con vendita reti

ROMA (MF-DJ)–“Si vendano tutti i canali e le frequenze della Rai. Le risorse ricavate vadano a riduzione del debito pubblico o a sgravio delle imposte su lavoratori e imprese, secondo cio’ che risultera’ piu’ conveniente per la crescita. Si sopprimano le relative sovrastrutture politiche”. Queste le proposte di Carlo Malinconico, ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio del Governo Monti con delega all’editoria, presentate in un’editoriale di Il Corriere Economia, per ridurre il debito pubblico. “La vendita di tutte le reti e frequenze Rai con una gara aperta a chi non e’ gia’ sul mercato italiano – ha spiegato – garantirebbe l’apertura dello stesso, consentirebbe un introito immediato allo Stato e risparmi per il futuro, alleggerirebbe i cittadini del canone che e’, appunto una tassa in piu'”. “Non v’e’ dubbio che grande sia stato il contributo della Rai allo sviluppo del Paese in passato. Ma ora non ci sono le risorse per mantenere questa struttura complessa e costosa”, ha concluso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi