New media

18 marzo 2013 | 16:02

GOOGLE READER PENSIONATO, ‘BOOM’ MIGRAZIONI SU FEEDLY

SU SITO ALTERNATIVO REGISTRATI 500MILA NUOVI UTENTI IN 48 ORE

(ANSA) – ROMA, 18 MAR – Oltre 500mila nuovi utenti in 48 ore dall’annuncio di ‘pensionamento’ di Google Reader: Feedly, servizio di raccolta feed Rss simile a quello di Mountain View, é fra quelli che più si stanno avvantaggiando dell’annuncio di pensionamento di Reader dal primo luglio di quest’anno. Ancora non orfani e già  molto delusi dalla scelta di Google, gli utenti non hanno perso tempo. Contestualmente alle proteste e petizioni online (la prima su Change.org ha superato 126mila firme virtuali), da subito si sono lanciati nella corsa all’alternativa migliore. Feedly era fra i più quotati e ha accolto a braccia aperte gli esuli di Reader. Il sito, al pari di altri in rete, consente di aggiornarsi ricevendo automaticamente notifica tramite ‘feed’ Rss di notizie e altri contenuti quando questi vengono pubblicati su siti e portali, senza doverli controllare di continuo. Il ‘boom’ di nuovi utenti non ha trovato Feedly impreparato: sul proprio blog si è impegnato a prendere in considerazione i consigli dei nuovi arrivati, ad aggiungere nuove funzionalità  e ha annunciato di aver aumentato non solo i propri server ma anche – e di dieci volte – l’ampiezza di banda di connessione. Complice della migrazione record il fatto che il passaggio da Google Reader sia molto semplice: chi accede a Feedly finché Reader sarà  attivo può scegliere di registrarsi attraverso l’account di Google Reader importando automaticamente tutti i propri feed Rss e loro organizzazione. Soluzione ‘veloce’ non solo per il web (sui browser Chrome, Safari, Firefox) ma anche per le applicazioni per Android e iOS: per tutte le piattaforme la sincronizzazione dei dati è in tempo reale. Graficamente Feedly è molto simile a Reader ma consente più modi di visualizzazione delle notizie – anche come magazine ricordando molto l’app di Flipboard – e integra più di un’opzione per condividere i contenuti, da Facebook a Evernote. (ANSA).