GB: ACCORDO TRA PARTITI SU REGOLAMENTAZIONE STAMPA

CAMERON EVITA VOTO IN PARLAMENTO PERICOLOSO PER COALIZIONE

(ANSA) – LONDRA, 19 MAR – Il peggio è scongiurato per David Cameron. Un accordo trovato nella notte tra conservatori, libdem e laburisti sulla riforma della stampa colpita e screditata dal “tabloidgate”, lo scandalo delle intercettazioni illegali, ha evitato un voto in Parlamento che avrebbe potuto mettere a rischio la coalizione di governo coi libdem. Il premier e i leader degli altri partiti si sono accordati sulla formazione di una autorità  di settore che avrà  molti più poteri di quelli esistenti per intervenire in caso di violazione delle norme da parte dei giornali britannici. Resta ancora da stabilire nei particolari il punto sul quale lo scontro è stato più forte: se la riforma della stampa debba essere introdotta con una legge, come chiedevano laburisti o libdem, o con un altro strumento giuridico, come invece voleva Cameron. Lo scandalo delle intercettazioni illegali aveva spinto il governo ad organizzare una inchiesta sulla stampa britannica, la cosiddetta Leveson Inquiry, il cui rapporto finale ha raccomandato nuove norme per regolamentare il settore.(ANSA)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari