Editoria, Televisione

19 marzo 2013 | 10:21

RAI: CDR RAI PARLAMENTO, NO A MARGINALIZZAZIONE TESTATA

(ANSA) – ROMA, 18 MAR – “Uno degli appuntamenti più importanti per la mission istituzionale di Rai Parlamento, e la nostra Testata viene tenuta alla periferia. E’ quanto accaduto durante l’elezione dei presidenti delle Camere, con lunghe dirette affidate al Tg3 e realizzate grazie al consistente apporto dei nostri cronisti d’aula, mentre i prodotti originali della nostra Testata venivano relegati in spazi di contorno. Una marginalizzazione senza precedenti nella storia del servizio pubblico”. E’ quanto si legge in una nota del cdr di rai Parlamento. “E’ forse il segno di una nuova strategia al ribasso per Rai Parlamento? – prosegue il cdr – Finestre informative che saltano o che vengono riempite da altri, mortificando le professionalità  di giornalisti, registi, montatori, tecnici e impiegati che hanno comunque lavorato anche 12 ore al giorno, per vedersi poi amaramente confinati nel ruolo di “stampella”. E’ ora che l’informazione parlamentare torni ad avere una sua dignità  in Rai, secondo quanto espressamente previsto dal Contratto di servizio. Ci attendiamo dal Direttore Generale delle risposte sul ruolo che dobbiamo avere nell’Azienda per la quale lavoriamo con dedizione: Testata parlamentare vera e propria oppure semplice service, con “portatori d’acqua” che lavorano a beneficio di terzi? E’ una risposta che i prossimi appuntamenti istituzionali rendono quanto mai urgente”. “Vorremmo infine ricordare – sostiene ancora il cdr – che Rai Parlamento ha cercato da tempo di offrire di più ad un minor costo. E che ciò è stato possibile proprio grazie al senso di responsabilità  del personale, giornalistico e non, che vi lavora. Nel perdurare dell’incertezza sulla nostra eventuale fusione con Gr Parlamento, quello di venerdì e sabato scorsi rimane a tutti gli effetti un precedente inedito, che prefigura prospettive niente affatto rassicuranti”. (ANSA).