Editoria

19 marzo 2013 | 14:39

EDITORIA: MENGONI TESTIMONIAL PROGETTO 10 ANNI VANITY FAIR

DA TESTATA CONDE’ NAST 10 CONTRATTI A PROGETTO PER GIOVANI

(ANSA) – MILANO, 19 MAR – Marco Mengoni è il testimonial del progetto a favore dei giovani con cui il settimanale Vanity Fair celebra i suoi primi 10 anni. Per festeggiarli guardando al futuro, la testata del gruppo Condé Nast, che in Italia ha esordito il 2 ottobre 2003 e oggi ha un milione e mezzo di lettori, mette a disposizione 10 contratti di lavoro a progetto di 6 o 12 mesi in aziende connesse all’intrattenimento. Mengoni, come spiegato dal direttore Luca Dini, è stato scelto, con una certa lungimiranza, prima del festival di Sanremo, dove ha trionfato con ‘L’essenzialé, come emblema del giovane di talento che ce l’ha fatta, ma anche perché è solito circondarsi di collaboratori coetanei. “Da quando ho iniziato la carriera ho sempre lavorato con giovani della mia età , a me l’opportunità  è stata data, poi – ha spiegato il 24enne artista, che oggi pubblica il nuovo album #prontoacorrere – te la devi giocare, comunque io credo che ci sia ancora speranza, non credo che la società  e l’umanità  siano finite, il bicchiere è ancora mezzo pieno”. Dal canto suo, agli esordi è rimasto un po’ scottato da alcuni rifiuti, ma poi ha trovato altre strade e ora gli sembra giusto aiutare chi come lui ha talento ma fatica a esprimerlo: “io posso aiutare ma sono una formica nell’universo, però dicono che anche una goccia nel mare genera onde e se le gocce si uniscono…”. Così anche il progetto di talent scouting voluto da Vanity Fair, che dal 2 aprile avrà  un canale web dedicato, dovrebbe essere ampliato grazie ai proventi dell’asta di alcuni oggetti del ‘temporary brand’ Vanity fair 10 creati insieme a partner come Citroen, che saranno devoluti a favore di Child Priority, fondazione del gruppo Condé nast che aiuta i giovani talentuosi nell’inserimento lavorativo. I 10 talenti vincitori e il ricavato dell’asta saranno resi noti a ottobre, nel ‘celebration party’ per i 10 anni della testata, che sarà  anche presente al festival del cinema di Venezia con un corto diretto da Fabrizio Ferri e interpretato dall’etoile Roberto Bolle. (ANSA).