Hp: fondatore Autonomy chiede dettagli su accuse di truffa

LONDRA (MF-DJ)–Il fondatore di Autonomy, Mike Lynch, ha richiesto ad Hewlett-Packard di fornire maggiori dettagli in merito alle accuse di presunta truffa formulate contro il produttore inglese di sistemi operativi, a seguito della sua acquisizione da parte del gigante del settore tecnologico nel 2011. In una lettera inviata al board di Hewlett-Packard in vista dell’incontro annuale degli azionisti, l’ex Ceo di Autonomy ha richiesto ulteriori informazioni e prove sulle accuse mosse dalla societa’ statunitense contro il precedente management di Autonomy e sulla svalutazione da 8,8 mld usd contabilizzata da Hp nel 2012 a seguito del takeover. Lynch ha evidenziato che il management continua a respingere le accuse, accusando il produttore di pc statunitense di avere commesso errori di gestione per il mancato raggiungimento dei target sulla performance di Autonomy. “Non intendiamo fungere da capro espiatorio per gli insuccessi di Hp”, si legge nella lettera”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti