Mondadori: stima Mol 2013 inferiore a 2012

MILANO (MF-DJ)–Mondadori stima per il 2013 un livello di margine operativo lordo inferiore rispetto al 2012. In particolare, spiega una nota, anche nei primi mesi dell’esercizio in corso il contesto economico mostra segnali di forte difficolta’, con impatto anche sui mercati di riferimento della nostra societa’. Le attivita’ di riduzione dei costi operativi svolte negli ultimi anni hanno permesso a Mondadori di ottenere nel 2012, al lordo di svalutazioni, risultati economici positivi. Tuttavia, nell’attuale difficile scenario dei mercati di riferimento in cui opera il Gruppo, in un’ottica di recupero di redditivita’ nel medio periodo, saranno riproposte con ancor maggior incisivita’ attivita’ di razionalizzazione della struttura e di riduzione dei costi industriali, per garantire maggiore flessibilita’ rispetto ai mutati livelli di domanda; e azioni necessarie al consolidamento delle linee di business a maggiore valore aggiunto ed al recupero di redditivita’ dell’Area Periodici Italia, con la finalita’ di rafforzare ulteriormente la posizione competitiva del Gruppo e cogliere al meglio eventuali nuove potenzialita’, anche nella realta’ digitale. La realizzazione di queste azioni comportera’ l’impiego di importanti risorse finanziarie ed economiche. Il Cda, a seguito della decorrenza delle dimissioni di Maurizio Costa dalle cariche di vice presidente e a.d., ha cooptato Ernesto Mauri in Consiglio, attribuendo allo stesso Mauri la carica di a.d.. “Il dottor Mauri ha una missione complessa ma chiara: dare ulteriore impulso a riorganizzazione e valorizzazione delle nostre attivita’, e introdurre elementi molto forti di innovazione e cambiamento” ha dichiarato il presidente Marina Berlusconi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari