CINEMA: SIGLATO ACCORDO CINECITTA’ E CIRCOLI CINEMATOGRAFICI

FILM E DOCUMENTARI PER 800 REALTA’ LOCALI

(ANSA) – ROMA, 26 MAR – Siglato a Roma un accordo quadro tra Istituto Luce-Cinecittà  e il coordinamento delle associazioni e circoli cinematografici italiani: una library di decine di film e documentari arriva più facilmente a disposizione di un circuito di 1500 circoli, in 800 realtà  locali del Paese. Luce-Cinecittà  si uniscono con le realtà  riunite nella sigla delle Associazioni Nazionali di Cultura Cinematografica (AANNCC) per facilitare e promuovere la diffusione di film, docu e opere prime e seconde. Decine di titoli dalla grande library di Luce-Cinecittà , un segmento importante di storia del cinema italiano, insieme agli sguardi dei nuovi autori e a film della migliore produzione documentaristica. Un patrimonio audiovisivo messo a disposizione di una straordinaria rete di spazi per la visione come quella dei cinecircoli e associazioni cinematografiche: un insieme di 1500 sedi dislocate sul territorio in 800 realtà  locali. Una presenza fondamentale, in alcuni casi pluridecennale, rappresentata dalle sigle dell’AANNCC: ANCCI – Associazione nazionale circoli cinematografici Italiani, C.G.S. – Cinecircoli Giovanili Socioculturali; CINIT Cineforum Italiano, CSC Centro Studi Cinematografici, FEDIC Federazione Italiana dei Cineclub, FIC Federazione Italiana Cineforum, FICC Federazione Italiana dei Circoli di Cinema, UCCA Unione Circoli Cinematografici Arci, UICC Unione Italiana dei Circoli del Cinema.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo