TLC

27 marzo 2013 | 12:40

Telecom I.: Fossati chiede riduzione consiglieri Telco

MILANO (MF-DJ)–Marco Fossati, azionista di Telecom Italia attraverso Findim con una quota prossima al 5%, chiedera’ all’assemblea dei soci di ridurre il numero di consiglieri designati da Telco all’interno del Cda Telecom. Secondo quanto ha appreso MF DowJones da una fonte informata dei fatti, nelle scorse ore Fossati avrebbe chiesto alcune integrazioni all’Ordine del Giorno della prossima assemblea dei soci Telecom, che il 17 aprile si riunira’ per approvare i conti del 2012. La variazione piu’ importante riguarderebbe l’articolo 9.7 dello Statuto societario che, attualmente, consente alla lista di maggioranza (ossia a quella presentata da Telco) di esprimere i 4/5 dei membri del Cda Telecom. In altre parole, la scatola di controllo del gruppo (22,4%), partecipata da Generali Ass., Telefonica, Intesa SanPaolo e Mediobanca, indica oggi 12 consiglieri sui 15 che compongono il Board. Le proposte di integrazione all’Odg possono essere richieste da soci che, anche congiuntamente, rappresentano almeno il 2,5% del capitale ordinario e devono pervenire entro il 25 marzo. Non e’ chiaro, al momento, se la richiesta di Fossati sia arrivata entro i termini consentiti. Se una richiesta di questo tipo venisse effettivamente inserita all’Ordine del Giorno “potrebbero essere decisivi i fondi” chiarisce il rappresentante di uno dei veicoli d’investimento azionisti di Telecom sottolineando che, in genere, questi ultimi “comunicano le intenzioni di voto ai loro delegati rappresentanti entro 15 giorni dall’evento”. Inoltre, Fossati avrebbe chiesto ai vertici del gruppo di rimettere mano al Piano Industriale 2013-2015, con l’obiettivo di “renderlo piu’ aggressivo”, secondo quanto riferisce ancora la fonte. Una richiesta, quest’ultima, che difficilmente verra’ accolta, poiche’ il Piano e’ gia’ stato licenziato all’inizio dello scorso febbraio. A meno di sorprese, dunque, eventuali modifiche su questo fronte potrebbero essere eventualmente introdotte solo dal 2014.