New media

27 marzo 2013 | 16:05

CREATIVITA’ E’ DIGITALE, 20 MLD RICAVI IN 10 ANNI

STUDIO GOOGLE-BOOZ, MIGLIORA ANCHE MONETIZZAZIONE CONTENUTO WEB

(ANSA) – ROMA, 27 MAR – L’industria creativa in Italia è avvantaggiata dalla digitalizzazione, con i ricavi che in 10 anni hanno raggiunto quasi i 20 miliardi, pari a un tasso di crescita annua di circa il 2% dal 2001. La tendenza è in linea con il trend europeo, dove si registra anche un miglioramento della monetizzazione dei contenuti sul web. Sono alcuni dei dati messi in rilievo dallo studio realizzato da Booz & Company e Google sui trend nei settori editoria e stampa, cinema, tv, musica e gaming. A queste cifre si aggiungono i dati sulla fruizione generale dei media. Secondo lo studio, “con un consumo di 4 ore al giorno, di cui solo meno di un’ora per Internet, il settore creativo italiano ha ancora molto margine di sviluppo ed è destinato a crescere ulteriormente”. Parallelamente, è migliorata la monetizzazione dei contenuti. I consumatori europei – si legge – spendono in media più di 4 centesimi all’ora sui media online, un trend in crescita di quasi il 140% sul 2003. In confronto, il livello medio del pagamento da parte del consumatore è di 17 centesimi l’ora per cinema e tv e circa 23 centesimi per prodotti stampati. Secondo l’indagine, infine, anche i creatori beneficiano del digitale. Nella musica, ad esempio, la generazione di valore assoluto per artisti ed etichette è stata costante nel corso degli ultimi dieci anni: a fronte di una fetta di solo il 32% dalla classica vendita di cd, godono di una quota del 66% da download. “Le aziende del settore possono prosperare finché saranno in grado di creare esperienze rilevanti per il consumatore e focalizzarsi su due aree di crescita: il digitale e il pagamento”, sottolinea lo studio. (ANSA).