Gb/ Sciopero alla Bbc, gionalisti e tecnici contro piano tagli

Protesta contro ristrutturazione, con 2.000 lavoratori in meno

Roma, 28 mar. (TMNews) – I giornalisti e il personale tecnico della Bbc hanno indetto oggi dodici ore di sciopero per protestare contro i tagli – quelli già  operati e quelli previsti nel prossimo futuro – che hanno generato carichi di lavoro ritenuti eccessivi. La protesta, più in generale, riguarda la minaccia di uno smembramento di palinsesti e redazioni di radio e tv del netwoork, che porterebbe alla perdita di circa 2.000 posti di lavoro. Lo sciopero segue un’analoga iniziativa sindacale, compiuta a inizio marzo. I giornalisti della Bbc, che si scusano per eventuali disagi, hanno approvato la decisione con un voto sofferto. Michelle Stanistreet, segretario generale dell’Unione Nazionale dei giornalisti, ha spiegato che i dipendenti del network intendono inviare un chiaro messaggio sul fatto che “i tagli” già  operati dall’amministrazione “hanno creato un impatto sulla qualità  del prodotto”, generando tra l’altro “inaccettabili carichi di lavoro e stress”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari