Pubblicità 

28 marzo 2013 | 14:43

Pubblicità  rimanda al femminicidio,bufera su azienda igiene casa

Apparente scena omicidio per un panno che ‘elimina ogni traccia’

Roma, 28 mar. (TMNews) – L’immagine di un uomo con uno strofinaccio in mano seduto su un letto sul quale giace esanime una donna nuda e, accanto, lo slogan ‘Elimina tutte le tracce’. È la campagna pubblicitaria shock che la Clendy, azienda di Casoria (Napoli) che vende prodotti per l’igiene della persona e della casa, ha pensato per lanciare un panno in microfibra “che elimina proprio tutto”. L’azienda ha postato l’immagine (pensata anche nella versione opposta, cioè con una donna con lo strofinaccio in mano e un uomo in terra) sul suo profilo Facebook, dove in poche ore si è scatenata l’ira di numerosi internauti che hanno visto nella campagna pubblicitaria una sorta di istigazione al femminicidio o, comunque, alla violenza. “Siete veramente disgustosi. Spero di cuore che la vostra azienda chiuda quanto prima i battenti, vergognatevi”, scrive qualcuno sulla bacheca della Clendy, “è incredibile che abbiate potuto pensare di rendere pubblica una pubblicità  così violenta ed ignorante. Istiga al femminicidio, alla violenza, alla spersonalizzazione della donna, è una delle cose peggiori che abbiamo mai visto, complimenti”, replica un altro. Molti hanno annunciato una denuncia all’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria.