Pubblicità  rimanda al femminicidio,bufera su azienda igiene casa

Apparente scena omicidio per un panno che ‘elimina ogni traccia’

Roma, 28 mar. (TMNews) – L’immagine di un uomo con uno strofinaccio in mano seduto su un letto sul quale giace esanime una donna nuda e, accanto, lo slogan ‘Elimina tutte le tracce’. È la campagna pubblicitaria shock che la Clendy, azienda di Casoria (Napoli) che vende prodotti per l’igiene della persona e della casa, ha pensato per lanciare un panno in microfibra “che elimina proprio tutto”. L’azienda ha postato l’immagine (pensata anche nella versione opposta, cioè con una donna con lo strofinaccio in mano e un uomo in terra) sul suo profilo Facebook, dove in poche ore si è scatenata l’ira di numerosi internauti che hanno visto nella campagna pubblicitaria una sorta di istigazione al femminicidio o, comunque, alla violenza. “Siete veramente disgustosi. Spero di cuore che la vostra azienda chiuda quanto prima i battenti, vergognatevi”, scrive qualcuno sulla bacheca della Clendy, “è incredibile che abbiate potuto pensare di rendere pubblica una pubblicità  così violenta ed ignorante. Istiga al femminicidio, alla violenza, alla spersonalizzazione della donna, è una delle cose peggiori che abbiamo mai visto, complimenti”, replica un altro. Molti hanno annunciato una denuncia all’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro