Editoria/ Le Figaro si rinnova e lancia “portale video”

Gruppo francese crea nuova app, a metà  tra quotidiano e video

Parigi, 28 mar. (TMNews) – Le varie edizioni de Le Figaro – quotidiano, magazine e sito internet – sono state rinnovate, mentre il gruppo di proprietà  dell’imprenditore francese Serge Dassault, ha annunciato il lancio del portale video “Figaro tv”, che porterà  all’assunzione di una ventina di persone.
“Più che un semplice rifacimento del trucco, si tratta di una vera revisione editoriale di Figaro.fr, del quotidiano Figaro e di Figaro Magazine”, ha spiegato il direttore delle redazioni, Alexis Brezet. I cambiamenti – ha spiegato in una conferenza stampa a Parigi – sono dovuti alla “forte richiesta espressa dai lettori” e “alle inter-connessioni tra supporto cartaceo, web, nonchè l’attualità  con gli argomenti del magazine”. “Lefigaro.fr racconta l’attualità , il quotidiano la interpreta, il Magazine Figaro crea la sua attualità  e il portale Figaro tv l’anima”, ha sottolineato Brezet.
Il quotidiano conservatore francese adotta così un modello più sobrio, con più bianco e un maggiore ricorso alle immagini e, per il magazine, un nuovo carattere tipografico. Per i lettori muniti di smartphone, il quotidiano ha lanciato inoltre una nuova app “Figaro Play”, che permette di prolungare con un video gli elementi del giornale stampato.
Obiettivo di Figaro tv è di diffondere un centinaio di video al giorno nel 2014, in confronto ai quindici disponibili oggi e di passare da 2 milioni di video visti al mese nel 2012, a sei milioni nel 2014.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G