Google/ Doodle per Maria Sibylla Merian:arte di dipingere insetti

Disegnatrice tedesca: Google festeggia 366 anniversario nascita
Roma, 2 apr. (TMNews) – Anna Maria Sibylla Merian, più conosciuta come Maria Sibylla Merian, naturalista e pittrice tedesca, è la protagonista del Doodle di Google di oggi che le rende omaggio per il 366esimo anniversario dalla nascita. I doodle ritrae proprio gli amati insetti che la pittrice ha disegnato nella vita e per cui è divenuta famosa. Nasce a Francoforte nel 1647, ed è famosa, in tutto il mondo, per i suoi studi pittorici e naturali sugli insetti tanto da aver contribuito, con le sue scoperte ad ampliarne la conoscenza soprattutto nell’ambiente del Suriname. A Norimberga Sibylla inizia a studiare gli insetti e il ciclo vitale di bruchi e farfalle e ne disegna le fasi di sviluppo insieme con le piante sulle quali si situano abitualmente e delle quali si nutrono. Questa raccolta di disegni forma la base dei suoi primi due libri: il primo viene edito nel 1675 con il titolo Neues Blumenbuch (Nuovo libro di fiori). Quattro anni dopo, esce ad Amsterdam la Metamorfosi degli insetti del Suriname, che viene definita “l’opera più bella mai dipinta in America”. “Realizzando quest`opera, non ho mirato al guadagno, contentandomi di rifarmi delle spese sostenute. Non ho badato a spese per eseguire quest`opera. Ho fatto incidere le tavole da un celebre maestro e ho procurato al libro la carta migliore per portare soddisfazione e piacere non solo agli amatori dell’arte ma anche agli amatori degli insetti e sono felice sentendo di aver raggiunto il mio scopo e di aver loro procurato della gioia”, ha scritto Sibylla nell’introduzione dell’opera che le è valsa la notorietà .

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi