INTERNET: ‘GAME OF THRONES’ BATTE RECORD PIRATERIA ONLINE

PRIMA PUNTATA TERZA STAGIONE CONDIVISA DA 320MILA SU BITTORRENT

(ANSA) – ROMA, 3 APR – Debutto da record per la terza stagione di ‘Game of Thrones’ anche su Internet. La serie tv della rete HBO bastata sulla saga fantastica di George R.R. Martin ‘Cronache del ghiaccio e del fuoco’, oltre ad aver stabilito un primato di spettatori televisivi negli Usa, 4,4 milioni, ha registrato anche una diffusione da record di copie pirata su Internet, condivise da ben 320mila utenti bittorrent, portando a milioni di download illegali. Il precedente record era di ‘Heroes’ (144mila bittorrent). Secondo il sito TorrentFreak.com, la puntata, che è andata in onda domenica sera, è stata finora scaricata illegalmente attraverso i bittorrent almeno 1 milione di volte in un giorno e mezzo, ma appare facilmente destinata a battere i numeri della precedente stagione, che già  deteneva il primato di serie più scaricata da Internet, con una media di 4,3 milioni di download a puntata lo scorso anno. Per ridurre il problema, che secondo gli analisti era da imputare anche al fatto che la serie veniva trasmessa prima negli Usa e poi nel resto del mondo, questa volta la terza stagione ha debuttato in contemporanea mondiale. Ma evidentemente non è bastato e, secondo il sito TheWrap, dopo gli Usa la puntata è stata scaricata maggiormente in Gran Bretagna e Australia. “Forse non dovrei dirlo – ha detto al sito EW Michael Lombardo, direttore della programmazione di HBO commentando i dati sulla pirateria – ma questo è una specie di complimento. La pirateria è qualcosa che arriva solo quando si ha una serie di grandissimo successo in un network a pagamento”. Secondo Lombardo, inoltre, la pirateria online non avrebbe danneggiato la vendita dei Dvd.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti