Milano: Via della Spiga prima ‘smart street’ italiana

(ASCA) – Milano, 3 apr – Sara’ via della Spiga, il cuore della moda e delle nuove tendenze, la prima Smart Street italiana dotata di servizi innovativi per cittadini e visitatori italiani e stranieri: dalla mobilita’ sostenibile con le stazioni urbane di ricarica per veicoli elettrici, alla sicurezza con le colonnine sos e di videosorveglianza, dai collegamenti wi-fi per smartphone e tablet sino a una innovativa illuminazione led, oltre a eleganti totem touch screen dedicati alla promozione turistica, agli eventi e alle info sulla mobilita’ della citta’. Il progetto Spiga Smart Street e’ promosso dall’Associazione Amici di via della Spiga con il patrocinio del Comune di Milano e il supporto di prestigiose aziende private attive nel settore dell’innovazione e della tecnologia come Fastweb, Samsung, Umpi, Cariboni Group Lighting, Blachere Illumination, Imq-Istituto Italiano del Marchio di Qualita’. ” Spiga Smart Street, questo innovativo sistema di luce urbana a proiettori led – spiega Franco D’Alfonso, assessore del Comune di Milano al Commercio – permettera’ di ottenere alti livelli di risparmio energetico mai raggiunti prima, che contribuiranno a fare della nostra citta’ un modello di efficienza in vista di Expo 2015”. Spiga Smart Street rappresenta una sfida tecnologica all’avanguardia in Italia e in Europa, capace di offrire servizi urbani sempre piu’ innovativi nel rispetto dell’ambiente e attraverso la gestione intelligente delle risorse energetiche presenti sul territorio. I sistemi installati di luce urbana a proiettori led abbinati al telecontrollo punto-punto powerline permetteranno di ottenere un risparmio energetico fino al 70%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti