Facebook/ Arriva Home, il software per telefonini Android

Disponibile gratuitamente dal 12 aprile su Google Play

New York, 4 apr. (TMNews) – “Non presentiamo un telefonino o un’applicazione, stiamo presentando un’esperienza”. Così Mark Zuckerberg, amministratore delegato di Facebook, ha descritto il nuovo progetto “Home” per telefonini Android, spazzando via tutte le voci che da mesi sostenevano che il colosso di Menlo Park, California, fosse pronto a lanciare un suo dispositivo. “Sarà  un prodotto creato intorno alle persone e non un sistema operativo creato intorno alle app come succede sugli altri telefonini”, ha detto l’a.d. del social network.
Home sarà  disponibile su Google Play Store dal 12 aprile e potrà  essere scaricata gratuitamente su tutti i device Android: verrà  aggiornata ogni mese con nuove funzioni. Il software, che diventerà  un’estensione di Android, sarà  una homepage sempre attiva in background, anche mentre si stanno usando altre app sul proprio dispositivo, in modo da vedere in tempo reale tutti gli aggiornamenti degli amici, chattare e condividere foto, video e notizie. Il software potrà  essere scaricato gratis dal 12 aprile su tutti i telefonini con sistema operativo Android e promette di trasformare i cellulari in “nodi” del social network.
Zuckerberg ha poi aggiunto che “sarà  un software costruito intorno alle persone”, questo grazie alle possibilità  offerte dall’architettura di Android, che ha definito “aperta”, il contrario di iOS di Apple.
Durante l’evento l’azienda taiwanese Htc ha presentato il telefonino “First” il primo dispositivo sviluppato intorno a Facebook Home. L’amministratore delegato Peter Chou ha descritto il nuovo device come un “social phone”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti