EDITORIA: ANSELMI, RISORSE PER TRASFORMAZIONE MULTIMEDIALE

(ANSA) – ROMA, 5 APR – “Credo che sia giusto per un periodo di tempo, due-tre anni, che con tutti i controlli pubblici necessari venga aiutata la fase di trasformazione multimediale vera per consentire un passaggio che altrimenti si tradurrà  in una quantità  notevole di disoccupazione e disperazione”. E’ quanto risponde il presidente della Fieg e dell’ANSA, Giulio Anselmi, ai microfoni del Tg1 a chi gli chiede della possibilità  che gli editori rinuncino ai contributi diretti dello stato. Anselmi si è poi soffermato ad analizzare gli ultimi preoccupanti dati diffusi per il mondo dell’editoria: “Ci sono dati drammatici di vendita e di acquisizione di pubblicità . Nel contesto i siti web dei giornali godono di una certa credibilità . Prima che quello che si perde sulla carta, lo si recuperi sul web ci vorranno anni e anni”. “Avere molta informazione – ha anche detto il presidente degli editori – è una condizione per sapere, avere troppa informazione, senza criteri di scelta all’interno dell’informazione, è una condizione per avere tanta confusione in testa. Il criterio è quello della qualità . Garantire un’informazione vera e credibile fa la differenza anche con il grande disordine del mondo del web, che tanto ci preoccupa per quantità , rapidità , democrazia, per come viene percepito dall’opinione pubblica che tende a considerare l’informazione tradizionale più legata al potere e quella online più libera”. Infine, un commento sul nuovo Papa: “Mi è piaciuto, è un comunicatore, sa che vale più un gesto che un articolo di fondo, ha innovato davvero in pochi giorni. Poi conteranno gli atti di governo”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari