Legambiente: un corso di “giornalismo e comunicazione ambientale”

Roma, 8 apr. (TMNews) – Si terrà  a Lesina (FG) presso il Centro Visite del Parco Nazionale del Gargano, dal 20 al 27 aprile, la terza edizione del workshop “Giornalismo e Comunicazione Ambientale”. Il corso, organizzato e promosso dal giornalista ambientale Giorgio Ventricelli, prevede un percorso formativo di nove moduli didattici e due visite guidate all`interno del Parco Nazionale del Gargano. I moduli previsti nel workshop sono: Giornalismo Ambientale, Geologia Ambientale, Social media e Web 2.0, Diritto Ambientale, Uffici stampa e PR, Mangement dell`energia, del paesaggio e dell`ambiente, Sistemi di gestione ambientale e Greenwashing, Fotografia Ambientale, Tecniche di ripresa e montaggio video. Le visite guidate, invece, si terranno sulla laguna di Lesina e presso le sorgenti d`acqua naturale presenti nel territorio di Ischitella. Il workshop è rivolto a: giornalisti professionisti, giornalisti pubblicisti, addetti stampa, blogger, studenti universitari, geologi, avvocati, ingegneri, biologi, agronomi, geografi, fotografi, cineoperatori, forze di polizia, rappresentanti di associazioni non profit, impiegati pubblici, operatori di Laboratori e Centri di Educazione Ambientale, operatori delle aree protette e di siti storico-archeologici, insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado, animatori culturali, guide ambientali e speleologiche. A differenza delle passate edizioni, sarà  possibile sia partecipare all`intero percorso formativo previsto dal 20 al 27 aprile, sia ai singoli moduli didattici. In entrambi i casi, sarà  rilasciato un attestato di frequenza.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari