TV: FICTION RAI E’ DONNA, TANTE STORIE DALLA REALTA’

PRESTO SET ‘FALLACI’, ARCHIBUGI DIRIGE STORIA RAGAZZINA INCINTA

(dell’inviato Michele Cassano) (ANSA) – FIRENZE, 5 APR – Una ragazza di 16 anni che scopre di essere incinta, una donna medico viziata da ambiente borghese costretta a iniziare da capo su un’isola del sud, una madre che si ritrova a fare i conti con il difficile ruolo di sindaco di un paese della Locride. La fiction Rai punta sul femminile con nuovi progetti allo studio o in fase di realizzazione che raccontano storie dell’Italia di oggi. “La donna contemporanea ha un’identità  più complessa e articolata del passato e c’é la necessità  di trovare forme di racconto nuovo”, ha spiegato il direttore di Rai Fiction, Eleonora Andreatta agli Screenings Rai di Firenze, in un incontro con attrici, sceneggiatori e produttori. “Vogliamo volti più reali, credibili e vicini a noi – ha aggiunto Andreatta – Modelli di bellezza non da copertina, ma con carattere e personalità , diversi da quelli derivati dalla pubblicità  che hanno influenzato la tv degli anni ’80 e ’90. C’é ancora molto da fare e la fiction deve servire come modello di sviluppo”. Allora, accanto a serie di successo come ‘Provaci ancora Prof’, ‘Fuoriclasse’, ‘Che Dio ci aiuti’ che continueranno ad essere prodotte, in cantiere per l’anno prossimo c’é la storia di una ragazzina che scopre di essere incinta che vedrà  l’esordio alla regia televisiva per Francesca Archibugi. “Ho sempre fatto cinema, ma amo la tv per le sue potenzialità  narrative – ha detto la regista -. Nel frattempo farò un altro film e sarà  un lungo viaggio”. In autunno dovrebbero iniziare poi le riprese di ‘Un’altra vità , storia di una donna medico costretta a divedersi tra affetti e carriera, prodotta da Endemol e scritta da Ivan Cotroneo, Monica Rametta e Stefano Bises. A breve partiranno anche le riprese della fiction sulla vita di Oriana Fallaci, mentre in autunno è attesa sul piccolo schermo ‘Anna Karenina’ con Vittoria Puccini. L’attrice è anche protagonista con Stefania Rocca di ‘Altri tempi’, miniserie in due puntate di Marco Turco, che racconta delle vicissitudini di una prostituta negli anni in cui fu promulgata la legge Merlin, che dovrebbe andare in onda dopo l’estate. “La tv ti dà  possibilità  di raccontare personaggi esistititi e storie in costume che forse il cinema non fa più ed è un mezzo educativo da non sottovalutare – ha spiegato Rocca . La fiction mi faceva paura, è arrivata quando ho maturato la mia idea attrice”. “Da ‘Commesse’ è partito un filone che ha raccontato la donna – ha detto invece Veronica Pivetti -. Sto girando la quinta serie di ‘Provaci ancora prof’, che sono dieci anni che mi accompagna e va bene”. L’attrice, che conduce ‘Un pugno di libri’ su Rai3, ha anche rivelato che sta pensando a proseguire l’avventura dell’intrattenimento: “Sono paladina di Rai1, ma su Rai3 hai uno spazio di libertà  differente. Mi piacerebbe un programma in seconda serata. Ne stiamo parlando”. All’incontro anche Cristiana Capotondi, mentre Luciana Littizzetto in collegamento da Torino tra una gag e l’altra ha sostenuto che “nelle fiction, a differenza che nel resto della tv, viene rappresentata la donna reale”. Presenti anche le produttrici Matilde Bernabei e Laurentina Guidotti, che ha sottolineato la necessità  di “accrescere il ruolo della donna anche a livello manageriale”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi