Puglia/Scuola: mercoledi’ giornata studio su editoria digitale

(ASCA) – Bari, 8 apr – A scuola con i tablet e non piu’ con i libri di testo? Quali i tempi per passare all’editoria digitale scolastica? Soprattutto, quali gli ambienti di apprendimento piu’ idonei per studenti abituati a navigare in rete? L’assessorato al Diritto allo Studio della Regione Puglia non sta a guardare e, per discutere di ‘Quale Agenda Digitale per la Scuola Pugliese’, ha promosso il prossimo 10 aprile una giornata di studio presso l’istituto Marco Polo di Bari. Lo comunica, in una nota, la Regione Puglia. Partner dell’iniziativa l’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia, alcune importanti case editrici, l’Indire di Firenze, esperti e docenti delle reti di scuole maggiormente impegnate nell’innovazione didattica come Laboratori Social Learning e Book in progress. La discussione – si legge nella nota – e’ quanto mai attuale all’indomani del decreto del ministro Profumo sull’editoria digitale scolastica e in un periodo in cui si considerano le diverse proposte di testi da adottare per il prossimo anno. La normativa prevede il passaggio al digitale solo dal 2013/2014 ma alcune scuole gia’ adottano forme autonome di editoria e altre non vogliono arrivare impreparate all’appuntamento. L’assessore al diritto allo studio Alba Sasso ritiene proficuo avviare una fase di sperimentazione proprio per verificare la buona riuscita dei dispositivi digitali mobile e per progettare ambienti di apprendimento social. In questo modo si potranno valorizzare le esperienze ”classi 2.0”, le tante iniziative di didattica digitale che fanno della Puglia una regione all’avanguardia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari