EDITORIA: ANSELMI, NEL 2012, -7,9% FATTURATO PER FILIERA CARTA

(AGI) – Roma, 10 apr. – Il 2012 ha visto comprimersi ancora, rispetto agli anni precedenti, il fatturato della filiera della carta, sceso del 7,9% sul 2011, molto piu’ della media dell’industria italiana (-4,5%) e al minimo annuo dal 2000. La situazione economica della filiera della carta del nostro paese e’ stata illustrata nel corso del convegno “Carta & Web: l’integrazione tra scelte strategiche e tecnologiche”, in corso a Roma presso palazzo Giustiniani, e commentata, tra gli altri dal sottosegretario di Stato con delega all’editoria, Paolo Peluffo, e dal presidente della Fieg, Giulio Anselmi. Osservando l’andamento di questo comparto dal 2003 al 2012, si evidenzia una costante discesa del fatturato, arrivato a poco meno di 33 miliardi di euro; come anche delle vendite interne, calate di quasi 10 miliardi di euro, da 32 a 23 miliardi, e del numero di addetti, passati da oltre 259mila a poco meno di 213mila. Gli attuali 213mila addetti della filiera nel 2012 rappresentano il 5% dell’occupazione manifatturiera complessiva, e ad essi vanno aggiunti i 527mila addetti dell’indotto.
Sebbene si tratti di un settore a forte vocazione nazionale, la filiera ha visto migliorare le proprie perfomance sia di export che di import, facendo rilevare un saldo positivo e costantemente crescente della bilancia commerciale passato da 1,8 a oltre 3,7 miliardi di euro dal 2002 al 2012, ottenuto attraverso la stabilizzazione delle importazioni a fronte di una crescita dell’export di filiera.
La stampa, una delle due principali anime della filiera della carta, ha visto un progressivo peggioramento della propria condizione per due ragioni. Da un lato, a causa della crisi economica, che ha provocato una riduzione progressiva della capacita’ di spesa delle famiglie (in un paese in cui si legge gia’ molto poco); dall’altro per via di una pressione fiscale molto elevata che non favorisce gli investimenti.
Ciononostante, ha sottolineato il presidente della Fieg, Giulio Anselmi, nell’ambito della stampa, “la carta continua a rappresentare il 90% dei ricavi. Dunque – ha proseguito – sebbene l’editoria abbia registrato, nel 2012, dati negativi per il quinto anno consecutivo e sebbene il web rappresenti il nostro interlocutore naturale, la partita della carta non e’ ancora persa. Chi governera’ – secondo Anselmi – non dovra’ fare regali alla filiera della carta e all’editoria ma aiutarci e accompagnarci in questa transizione che dovra’ avvenire all’insegna dell’integrazione e in nome della qualita’. La mia unica preoccupazione – ha aggiunto in conclusione – che e’ anche un auspicio e’ che da domani arrivi un interlocutore che consideri l’informazione un bene comune per il nostro Paese”. Tre sono dunque le proposte, sottoscritte da tutte le sigle del settore, per permettere la ripresa della filiera. In primo luogo, incentivi all’innovazione con il rifinanziamento del credito agevolato per le imprese della filiera, attraverso strumenti gia’ esistenti opportunamente aggiornati, e con il credito d’imposta a favore delle imprese per gli investimenti in beni strutturali e in aggiornamento professionale. In secondo luogo, e’ necessario promuovere la lettura attraverso la detassazione della spesa per l’acquisto di libri e abbonamenti a quotidiani e periodici, soprattutto se sottoscritti da giovani. Necessarie, infine, misure anticongiunturali, come il credito d’imposta per l’acquisto della carta da parte delle imprese editrici e stampatrici e per le imprese e i lavoratori autonomi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari