EDITORIA: QN FA POKER, OGNI GIORNO CON UN SETTIMANALE

RIFFESER MONTI, ‘IDEA UNICA, AGGREDIAMO PUBBLICITA’ DEL SETTORE’

(ANSA) – BOLOGNA, 10 APR – Il Quotidiano Nazionale fa poker. Ogni giorno. Da lunedì 22 aprile accanto al fascicolo nazionale, al quotidiano sportivo e al fascicolo locale, Qn avrà  il Settimanale per approfondire temi, problematiche, tendenze, stili di vita. “Un’idea unica nel suo genere – osserva Andrea Riffeser Monti, amministratore delegato della Poligrafici Editoriale che edita Qn, il Resto del Carlino, Il Giorno e La Nazione, in un’intervista pubblicata oggi – Una proposta innovativa, come contenuti e come impatto grafico. Una nuova idea, sulla quale puntiamo molto”. “Il Settimanale quotidiano – prosegue Riffeser – ha un taglio da settimanale ma arriva tutti giorni con approfondimenti tematici, idee e consigli per migliorare gli stili di vita: il lunedì su auto e motori; il martedì, design, arredamento, hi-tech e web; mercoledì, turismo e tempo libero; giovedì, moda e bellezza; venerdì, soldi e famiglia; sabato, salute e benessere e, per la domenica, il carnet settimanale. Un nuovo modo di presentare i contenuti: saranno realizzati in modo chiaro e semplice con articoli brevi e leggibili. Sarà  un Settimanale agile, moderno, che permetterà  di catturare l’informazione fin dal primo sguardo. Con l’obiettivo d aggredire la pubblicità  dei settimanali, garantendo una diffusione che loro non riescono più a raggiungere”. “Vorremmo coinvolgere di più la famiglia – prosegue Riffeser – in modo tale che il quotidiano arrivi fin nelle case e possa essere letto non solo dal capofamiglia, ma anche dagli altri componenti. Oggi in Italia raggiungiamo due milioni 606 mila lettori di Qn, siamo il terzo quotidiano dopo la Repubblica e il Corriere della Sera che sono poco sopra i 3 milioni. In un Paese in crisi come il nostro porta come conseguenza anche una forte sofferenza del settore editoriale. L’incertezza di questi ultimi sette mesi ha causato un periodo di attesa sugli investimenti pubblicitari. Ma l’inserzionista pubblicitario è sempre lì, pronto a investire. La pubblicità  ripartirà  non appena gli orizzonti della politica e del governo saranno chiari. Basta guardare all’estero: dove c’é stabilità  politica, l’investimento pubblicitario ha avuto decrementi molto più modesti. Siamo fiduciosi”. “Di editori puri, in Italia, ne esistono pochi – conclude l’Ad della Poligrafici – Appena il nuovo governo si insedierà  presenteremo il nostro progetto, che è poi il progetto di un’informazione libera come presidio della civiltà  di un Paese: servono liberalizzazioni e non aiuti a pioggia, si deve andare avanti per merito e non per appartenenza partitica. Fare l’editore oggi significa coniugare il profitto con il servizio al Paese: la libertà  di stampa è il fondamento principale per avere un’Italia civile e democratica. Un pilastro per la democrazia. Una volta per tutte i politici si devono rendere conto che il quotidiano non deve servire solo per interviste, nei periodi elettorali o quando fa loro comodo: devono mettere in condizione i giornali di essere liberi e indipendenti”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari