EDITORIA: ANSELMI, NUOVO GOVERNO AIUTI PASSAGGIO A DIGITALE

CHI GOVERNERA’ CONSIDERI INFORMAZIONE UN BENE COLLETTIVO

(ANSA) – ROMA, 10 APR – “Chi governerà  il Paese non deve fare regali al settore, ma aiutarci nel passaggio al digitale. La strada è l’integrazione tra carta e digitale, guardando ai progetti, senza perdere di vista la qualità . Ho una sola preoccupazione, che ci sia un interlocutore politico che riconosca l’informazione come bene collettivo”. Lo ha detto il presidente della Fieg, Giulio Anselmi, nel corso del convegno ‘Carta e web: l’integrazione tra scelte strategiche e tecnologiché, nel quale è stato illustrato l’andamento della filiera della carta e le proposte per la ripresa del settore. “La filiera della carta rappresenta un mondo di straordinaria importanza per il Paese – ha sostenuto Anselmi -. Il fatturato del 2012 ha raggiunto i 32,9 miliardi di euro con 213 mila addetti, che rappresentano il 5% dell’intera industria manufatturiera nazionale. L’occupazione indotta è di 527 mila unità  per un totale di 740 mila addetti complessivi”. “L’editoria – ha proseguito – per cinque anni consecutivi ha presentato dati negativi, malgrado i segnali positivi dell’industria digitale. Il mondo del web è il nostro naturale interlocutore, ma la carta rappresenta ancora il 90% dei ricavi del settore. Fino a che la componente cartacea sarà  così rilevante, sarà  bene non dare per perduta la partita. Il cuore del settore resta la carta”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari