RAI: PIANO INDUSTRIALE,EQUILIBRIO ECONOMICO DA 2014

(ANSA) – ROMA, 10 APR – Il piano industriale 2013-2015 della Rai, approvato ieri all’unanimità  dal consiglio di amministrazione di Viale Mazzini, “prevede il raggiungimento dell’equilibrio economico e finanziario già  a partire dal 2014”. Lo spiega una nota dell’azienda. “In un contesto di mercato caratterizzato da un quadro macroeconomico in forte difficoltà , il piano industriale 2013-2015 del Gruppo Rai – si legge nella nota di Viale Mazzini – prevede già  dal 2014 un ammontare di ricavi complessivi sostanzialmente in linea con i livelli registrati nel 2012”. “Sul fronte dei costi, l’azienda – viene spiegato – continuerà  nelle azioni di efficientamento che porteranno a un progressivo contenimento dei costi esterni; tale obiettivo sarà  perseguito con l’ottimizzazione dell’utilizzo dei quattro centri di produzione, con l’internalizzazione di attività  per meglio valorizzare le risorse interne e con un forte controllo sui costi volto alla razionalizzazione della spesa”. “I costi del personale si prevedono costanti nei primi due anni di piano e in lieve incremento nel 2015. Tale dinamica – sottolinea ancora l’azienda – è il risultato dei risparmi generati dal piano di incentivazione all’esodo che coinvolgerà  circa 600 persone – di cui più della metà  hanno già  formalizzato l’uscita su base volontaria – e delle assunzioni previste dagli accordi sindacali relativi ai bacini del personale e per l’inserimento di nuove risorse digital native”. Per quanto riguarda gli investimenti, Rai, “in coerenza con quanto previsto dal contratto di servizio, mantiene il suo forte impegno finanziario nei settori cinema e fiction che continueranno a rappresentare una componente importante del palinsesto. Gli investimenti di piano includono anche le risorse necessarie per colmare il gap tecnologico che il Gruppo Rai oggi ha nei confronti dei principali operatori europei e restituiranno alla fine dell’arco di piano una società  completamente digitalizzata”. “Il piano industriale – conclude la nota – prevede il raggiungimento dell’equilibrio economico e finanziario già  a partire dal 2014”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi