CINEMA: ‘DJANGO’ DI TARANTINO BLOCCATO DALLA CENSURA CINESE

(ANSA) – PECHINO, 11 APR – L’esordio nei cinema cinesi di ‘Django Unchained’, l’ultimo successo del regista americano Quentin Tarantino, è stato cancellato all’ ultimo momento per “ragioni tecniche”. Lo hanno affermato i gestori di alcune delle sale nelle quali ‘Diango’ avrebbe dovuto fare oggi il suo debutto. “Ci hanno detto che avremmo dovuto bloccare il film per ragioni tecniche. Non ci hanno detto se e quando lo potremo proiettare”, ha dichiarato uno di loro, proprietario di una sala di Shanghai. Nessuno dei numerosi cinesi che hanno commentato la cancellazione sui cosidetti ‘microblog’ sembra crederci. Le opinioni sono divise tra chi ritiene che ci siano troppe scene di nudo e chi sostiene che il divieto è stato provocato dall’eccessiva violenza di alcune immagini. ‘Django Unchained’, il cui tema è la schiavitù nell’America pre-guerra civile, non contiene scene di sesso. Al contrario le sparatorie non mancano, come tradizione nei film di Tarantino. Nessun commento è venuto fino a questo momento da parte dei dirigenti della State Admionistration of Radio, Film and Television (Sarft), l’organismo incaricato di controllare e censurare i film. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo