TV: ESPRESSO, PACE BERLUSCONI-MURDOCH IN PRANZO AD ARCORE

CAVALIERE SONDA DISPONIBILITA’ SKY A RILEVARE MEDIASET PREMIUM

(ANSA) – ROMA, 11 APR – Silvio Berlusconi avrebbe ospitato a pranzo ad Arcore Rupert Murdoch il 4 marzo scorso “per riprendere i contatti dopo un lungo periodo di tensioni e per porre le basi di un disarmo tra Mediaset e Sky in una fase molto difficile del mercato televisivo”. Lo rivela L’Espresso in edicola domani, raccontando inoltre che all’incontro di Arcore sarebbe seguita il 18 marzo una riunione più operativa cui hanno preso parte Pier Silvio Berlusconi, figlio di Silvio e vicepresidente di Mediaset, James Murdoch, figlio di Rupert e presidente di Sky, e Andrea Zappia, amministratore delegato di Sky. All’origine del riavvicinamento – secondo il settimanale – c’é la comune preoccupazione per l’andamento del settore: il calo della raccolta pubblicitaria, la concorrenza di nuovi strumenti e in particolare di Internet. Mediaset, poi – rileva ancora il settimanale – deve fare i conti con “la performance poco lusinghiera di Mediaset Premium, la pay-tv sul digitale terrestre nata per togliere spazio a Sky e trasformatasi in un pozzo di perdite”. Berlusconi – secondo L’Espresso – avrebbe addirittura sondato la disponibilità  di Murdoch a rilevare Premium, sentendosi obiettare che bisognerebbe superare l’ostacolo Antitrust. Il settimanale ricorda però che “i due gruppi hanno tanti modi per collaborare. Da pochi mesi, per esempio, Mediaset ha di nuovo concesso a Sky la possibilità  di fare pubblicità  sulle sue reti. In cambio ha ottenuto i diritti per trasmettere in chiaro alcune partite di calcio della Champions League. Più recentemente Sky non ha mosso obiezioni alla decisione dell’Autorità  delle Comunicazioni di non modificare l’assegnazione dei numeri sul telecomando del digitale terrestre che la penalizza”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi