RAI: SI E’ INSEDIATO NUOVO CDA RAI CINEMA

(AGI) – Roma, 11 apr. – Si e’ insediato il nuovo Consiglio di amministrazione di Rai Cinema. Ne fanno parte il presidente Nicola Claudio, l’amministratore delegato Paolo Del Brocco, i consiglieri Costanza Esclapon, Vincenzo Mollica e Camillo Rossotto. Giuseppe Sturiale e’ stato confermato per la carica di direttore generale e Leonardo Quagliata per quella di presidente del Collegio dei sindaci. “Sono convinto che la scelta caduta sui nuovi consiglieri, che sono stati indicati dal Cda Rai all’unanimita’ – ha detto Paolo Del Brocco – sia stata ispirata da un’idea di continuita’ con il lavoro fin qui svolto”.”Un lavoro che – ha continuato Del Brocco – ha dato grandi risultati sia in termini industriali sia sotto il profilo culturale. Sempre improntato alla professionalita’ e all’ascolto di tutte le voci che provengono dalla societa’, attraverso gli autori e i registi che ne rappresentano le antenne piu’ sensibili, e i produttori che ne sono i tramiti e gli artefici. Colgo l’occasione per ringraziare il Cda uscente e in particolare il presidente Franco Scaglia che con il suo alto profilo culturale ha dato un apporto fondamentale al nostro lavoro ed e’ stato una guida imprescindibile per le nostre scelte e la nostra condotta”. “Se abbiamo avuto il privilegio – aggiunge – di vivere tanti momenti indimenticabili come le numerose vittorie ai Festival o abbiamo ottenuto successi di pubblico, questo si deve alla competenza e alla passione che tutta la squadra di Rai Cinema, a cominciare dai suoi vertici, ha messo in ogni scelta compiuta. Sono certo che con il nuovo Consiglio di amministrazione riusciremo a dare un seguito alla storia che abbiamo scritto finora, a guardare ancora piu’ avanti e affrontare le sfide che i tempi ci imporranno. A tutti loro va il mio saluto di benvenuto e il mio piu’ caro augurio di buon lavoro”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G