Tv: Cardani; un mese per asta frequenze, base 240 mln

ROMA (MF-DJ)–Per vendere le frequenze Tv servono “venti giorni, forse un mese. Ora il ministero e’ in condizione di scrivere il disciplinare e il bando senza ostacoli”.
Lo afferma il presidente dell’Agcom, Angelo Maria Cardani, in un’intervista a “Repubblica” precisando che l’unico “problema” e’ che, visto il momento politico, “il ministro Passera, visto il rilievo dell’asta, potrebbe lasciare la pratica al suo successore, al nuovo Governo”.
Circa il valore delle frequenze e le voci di 4 mln annui per ciascuna delle tre reti per i 20 anni della concessione, Cardani ribatte: “non mi sembrano numeri campati in aria”.
All’asta, spiega il numero uno dell’Agcom, potranno concorrere “nuovi editori che oggi non hanno neanche un ripetitore o piccoli editori che hanno in portafoglio fino a due reti”. Chi, come Sky, “detiene oltre il 50% su altre piattaforme tecnologiche”, precisa, “potra’ acquistare una sola rete”. Esclusa, invece, la partecipazione diretta dei colossi Mediaset, Rai e TI Media.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi